Skip to content

Intestino irritabile

I sintomi più tipici sono:
• dolore addominale
• meteorismo
• gonfiore
• irregolarità intestinale

L’IBS “Irritable Bowel Syndrome” (in italiano “Sindrome da Intestino Irritabile”) è una delle patologie più comuni a livello intestinale. Si calcola che in Italia ne soffra tra il 10% e il 20% della popolazione

Trattasi di una patologia ancora di difficile identificazione che spesso viene, infatti, individuata per esclusione. Non esiste un test diagnostico che ne certifichi la presenza.

L’intestino irritabile è una patologia cronica di cui però non si conosce ancora una cura definitiva.

É però possibile controllarne i sintomi, spesso debilitanti, attraverso diete che limitino alcuni alimenti particolarmente predisponenti e l’assunzione di specifici probiotici che agiscano sulla funzionalità del microbiota.

Sintomi

La sindrome dell’intestino irritabile, detta anche “colite spastica” o “colon irritabile”, si manifesta con sintomi tipici anche se facilmente confondibili con altre patologie: tensione, gonfiore o dolore addominale, stitichezza, diarrea, oppure con un’evacuazione di tipo misto e alternanza fra stipsi e diarrea.


Chi soffre di Sindrome dell’Intestino Irritabile spesso presenta sintomi anche di emicrania, fatica cronica, ansia, depressione, cistite e fibromialgia.
Caratteristica tipica dell’intestino irritabile è di avere un’evoluzione variabile; fasi di relativa calma possono alternarsi a fasi più severe e acute, quasi sempre in coincidenza con periodi di particolare stress fisico (problemi di salute, infezioni virali o batteriche, interventi chirurgici) o periodi di stress psichico.


Chi soffre di IBS patisce una drastica riduzione della qualità della vita e le donne, rispetto agli uomini, ne sono coinvolte in misura doppia rispetto agli uomini.

Cause

La sindrome dell’intestino irritabile è una patologia ad oggi ancora abbastanza enigmatica e le sue cause possono essere molteplici e variare notevolmente da individuo ad individuo.

Ad attivare tale sindrome possono essere fattori psicologici, come la reazione soggettiva verso le malattie o aspetti di tipo emotivo; dall’altro fattori biologici, come la predisposizione individuale, l’alterazione della mobilità del tratto digestivo, infezioni intestinali, la flora batterica alterata.

A completare queste possibilità, spesso sono anche presenti intolleranze, allergie alimentari, pasti ad alto contenuto calorico, utilizzo continuativo di farmaci e lo stress, che possono avere un ruolo fondamentale nel determinare e perpetuare la presenza dei sintomi.

Bisogna inoltre considerare che l’intestino, anche detto “secondo cervello” è in continua comunicazione con il nostro “primo cervello”. Per questo motivo molti eventi portatori di stress a livello psichico possono riflettersi anche sull’intestino.

La Sindrome dell’Intestino Irritabile spesso può presentarsi anche in associazione con altre patologie del tratto digestivo come il reflusso gastroesofageo e la dispepsia funzionale.

Rimedi

Una patologia di difficile diagnosi, è altresì una patologia di difficile cura.
Le modalità terapeutiche oggi in uso si basano principalmente sull’utilizzo di farmaci capaci di curare i sintomi riferiti dal paziente, essendo quasi sempre sconosciuta la causa scatenante.


Un rimedio che può sicuramente accumunare tutti i pazienti affetti da tale sindrome è quello di una dieta a base di alimenti poco grassi, non fritti, che non producano gas o che fermentino.


Un corretto stile di vita, per quanto possibile privo di stress, una buona attività fisica, la privazione di alcolici e fumo può aiutare fortemente nella risoluzione di questa patologia.

Un ulteriore importante beneficio può essere dato dai probiotici, batteri naturalmente presenti nell’organismo, che aiutano la crescita dei batteri buoni nell’organismo, alleviandone gran parte della sintomatologia.


Anche tra i probiotici sono però necessarie distinzioni perché non tutti sono studiati per il corretto funzionamento nel caso delle specifiche sintomatologie, come nel caso dell’intestino irritabile.

il nostro aiuto

Triflorvis è una formulazione probiotica brevettata e rappresenta un prodotto rivoluzionario che, grazie all’azione combinata di 3 ceppi di nuova generazione (Brevetto i3.I), è in grado di portare ad un’azione globale sui sintomi dell’ibs e al conseguente miglioramento della qualità della vita.

Come scegliere i giusti probiotici?

Leggi subito le 10 regole d'oro del probiotico stilate dall'OMS e dal FAO.

Dal 1909 creiamo soluzioni per il tuo intestino.